Cerca nel blog

1.3 La rincorsa statunitense

Nel 1960 gli Stati Uniti riescono a conquistare alcuni primati: il primo satellite meteorologico che produce immagini (TIROS-1, 1 aprile), il primo satellite per intercettazioni radio (GRAB-1, 5 luglio), il primo recupero di un satellite rientrato dall’orbita terrestre (Discoverer 13, 11 agosto) e il primo satellite-spia fotografico (Discoverer 14, 18 agosto).

Sono record di natura prevalentemente militare, motivati dalla necessità di rimpiazzare urgentemente con satelliti-spia i segretissimi aerei ricognitori U-2 che, con enorme imbarazzo diplomatico, si sono rivelati di colpo vulnerabili il primo maggio dello stesso anno, quando uno di essi è stato abbattuto mentre sorvolava senza autorizzazione il territorio sovietico e ne fotografava le installazioni militari più segrete.

E così, ancora una volta, il primato prestigioso e spettacolare spetta all’Unione Sovietica: ad agosto lo Sputnik 5 porta in orbita piante e animali (due cani, Belka e Strelka, quaranta topi e due ratti) e, a differenza dei voli precedenti, li riporta sani e salvi a terra.