Cerca nel blog

1.2 Il vantaggio sovietico

Ad agosto del 1958 gli Stati Uniti tentano il sorpasso provando a raggiungere per primi la Luna con una sonda automatica, Able 1, ma il lancio fallisce dopo 77 secondi di volo e falliscono anche i tre tentativi successivi (Pioneer 1, 2 e 3).

Invece il 2 gennaio 1959 i sovietici lanciano la sonda Lunik 1, che due giorni dopo passa a 6000 chilometri dalla Luna e diventa il primo veicolo ad andare in orbita intorno al Sole. Il quinto tentativo lunare americano, Pioneer 4, entra in orbita solare, ma arriva a non più di 60.000 chilometri dalla Luna il 4 marzo dello stesso anno.

I sovietici ottengono anche altri primati: colpiscono per primi la superficie della Luna con la sonda Lunik 2 il 13 settembre 1959 e neanche un mese dopo mostrano al mondo, grazie alla sonda Lunik 3, le primissime immagini della faccia nascosta del nostro satellite naturale.

Figura 1.2-1. La faccia nascosta della Luna, fotografata dalla sonda sovietica Lunik 3 nel 1959.


Gli americani tenteranno altre nove volte di raggiungere la Luna con una sonda, ma vi riusciranno solo cinque anni dopo. Si devono accontentare di missioni scientifiche in orbita terrestre, come l’Explorer 6, che fornisce una mappa quasi completa delle fasce di Van Allen e le prime immagini televisive della Terra dallo spazio. Inoltre le scimmiette Able e Baker rientrano indenni dopo due voli suborbitali. Ma le missioni di prestigio internazionale sono tutte sovietiche.