Cerca nel blog

8.4 I raggi X nello spazio avrebbero velato le pellicole

Questa sezione è ancora in lavorazione: mancano le illustrazioni, le note e molto altro. Per leggerla in versione illustrata, scaricate il PDF del libro. E se volete incoraggiarmi a proseguire la lavorazione, valutate una donazione. Grazie!


IN BREVE: No, perché le dosi non sarebbero state sufficienti. Gli esperimenti effettuati dai lunacomplottisti usano metodi grossolanamente errati e dosaggi enormemente superiori a quelli che potevano ricevere le pellicole nelle varie fasi del viaggio lunare.


IN DETTAGLIO: Il libro Dark Moon di Mary Bennett e David Percy descrive i test effettuati dal fisico David Groves, che espose alcune pellicole a dei raggi X e osservò che si velarono o addirittura si cancellarono. Quindi, secondo queste persone, la stessa cosa si sarebbe dovuta verificare anche per le pellicole portate sulla Luna.

Ma i test di Groves esposero la pellicola ai raggi X direttamente, senza protezione, mentre le pellicole lunari rimasero per quasi tutto il viaggio dentro contenitori schermati, all’interno dell’ulteriore schermatura offerta dalla capsula Apollo e dal LM. Anche quando furono portate sulla superficie lunare, rimasero all’interno dei caricatori metallici delle fotocamere, che avevano anch’essi un’azione schermante.

Inoltre questi test bombardarono le pellicole di prova con un fascio da 8 MeV (milioni di elettronvolt), ma secondo gli astronomi i raggi X provenienti dallo spazio hanno un’energia di meno di 5 keV (migliaia di elettronvolt): milleseicento volte più deboli di quelli che velarono le pellicole di Groves. È una differenza importante non solo in termini numerici: infatti per schermarsi da raggi X con energia inferiore a 5 keV bastano alcuni fogli di carta; per quelli inferiori a 3 keV basta addirittura qualche decina di centimetri d’aria.

Groves dichiara di aver esposto le pellicole di prova a 25, 50 e 100 rem di radiazioni. Ma l’unità è grossolanamente sbagliata, perché il rem si usa soltanto per indicare le radiazioni assorbite dai tessuti del corpo umano. Usarla per le pellicole indica una scarsa competenza in materia che poco si addice a un vero esperto di effetti delle radiazioni. È come dire che le distanze si misurano in litri.

È vero, però, che per i raggi X 1 rad equivale a 1 rem. Se ipotizziamo che Groves intendesse parlare di dosi da 25 a 100 rad, abbiamo visto dalla sezione precedente che 25 rad, la dose più bassa usata da Groves, equivalgono a vari anni di permanenza nello spazio.