Cerca nel blog

8.10 Decollo dalla Luna, anticipo video impossibile

Questa sezione è ancora in lavorazione: mancano le illustrazioni, le note e molto altro. Per leggerla in versione illustrata, scaricate il PDF del libro. E se volete incoraggiarmi a proseguire la lavorazione, valutate una donazione. Grazie!


IN BREVE: No, non era impossibile riprendere il decollo con la telecamera comandata da Terra: il modulo lunare doveva decollare in un istante ben preciso. Bastava quindi conoscerlo e anticiparlo per compensare il ritardo di trasmissione e ricezione dei comandi.


IN DETTAGLIO: La tesi di David McGowan, nel suo ciclo di articoli Wagging the Moondoggie, è che sarebbe stato impossibile riprendere il decollo del modulo lunare dalla Luna, come avvenne per le missioni Apollo 15, 16 e 17, a causa del ritardo dei segnali radio che da Terra comandavano il movimento della telecamera. L’operatore della telecamera avrebbe dovuto prevedere il futuro per fare una ripresa così perfetta. Infatti il segnale della telecamera ci metteva circa un secondo e un quarto a viaggiare alla velocità della luce dalla Luna alla Terra: quindi l’operatore avrebbe visto il decollo del modulo lunare con un secondo e un quarto di ritardo e il suo comando di movimento della telecamera avrebbe impiegato un altro secondo e un quarto per arrivare sulla Luna. Con ritardi del genere, sarebbe stato appunto impensabile, secondo McGowan, ottenere una ripresa come quella dell’Apollo 17, che segue perfettamente la salita del veicolo nel cielo della Luna.

In realtà il LM doveva partire in un istante ben preciso per incontrare in orbita il modulo di comando. L’orario del decollo era quindi ben noto, così come lo era la traiettoria di salita. Pertanto fu sufficiente calcolare il giusto anticipo nell’invio dei comandi.