Cerca nel blog

5.24 Come mai c’è una foto vistosamente falsa del Modulo Lunare sulla Luna?

IN BREVE: Perché non si tratta di una foto ufficiale: è un fotomontaggio dichiarato, basato su varie fotografie autentiche. Anche se talvolta questa foto viene usata anche dagli addetti ai lavori e dagli astronauti stessi, non fa parte del catalogo ufficiale delle immagini Apollo e la NASA non la presenta come autentica.


IN DETTAGLIO: La fotografia mostrata in Figura 5.24a rappresenta il modulo lunare di Apollo 11 sulla Luna mentre Buzz Aldrin si appresta a scendere lungo la scaletta per mettere piede sul suolo lunare. Viene usata spesso negli articoli che parlano delle missioni lunari, è pubblicata nell’Apollo Lunar Surface Journal della NASA ed è stata anche usata dall’astronauta Apollo Walt Cunningham nelle sue presentazioni.* Ma è un falso.

* AstVintageSpace (Twitter.com, 2015); So haben Sie Apollo 11 noch nie gesehen, 20min.ch (2014); The Apollo 11 Moon Landing Liveblog, Gizmodo.com (2009); ALSJ, Nasa.gov; conferenza di Walt Cunningham a Tradate, 2011 (Youtube.com).


Figura 5.24a. Foto composita creata da Ed Hengeveld (2008).


Si tratta infatti di un fotomontaggio creato da Ed Hengeveld nel 2008 componendo varie foto originali dell’allunaggio di Apollo 11 e aggiungendo un Sole creato con la grafica digitale.* Tuttavia non c’è alcun intento d’ingannare: né il suo creatore né la NASA la presentano come autentica.

* Sì, questa foto Apollo è un falso. Ma dichiarato, ComplottiLunari.info (2015).

Questa foto composita, infatti, è sì presente nell’Apollo Lunar Surface Journal, ma nella sezione del Journal dedicata esplicitamente ai fotomontaggi e intitolata More Creativity - Fun and Inspiration. Non viene inclusa nei cataloghi ufficiali delle foto di Apollo 11.

Va notato, inoltre, che il formato non quadrato e l’assenza delle crocette in sovrimpressione (reseau mark o fiducial), insieme alla prospettiva leggermente distorta e ai riflessi del sole a destra che non sono orientati correttamente, indicano all’osservatore esperto che la fotografia non può essere autentica.

Tuttavia man mano che passa il tempo e sbiadiscono i ricordi diretti c’è il rischio che questo genere di foto composita molto realistica e credibile venga presentato come autentico anche da chi ha fatto parte del programma Apollo, come appunto Cunningham, e si perda traccia del fatto che fu creata senza intento doloso. E naturalmente c’è il rischio che qualche lunacomplottista la presenti come una prova che la NASA falsifica le fotografie.