Cerca nel blog

3.4 La diretta TV

Il controllo incrociato delle immagini si estende anche alle riprese televisive inviate in diretta dalla Luna, perché le foto su pellicola furono scattate quasi sempre mentre gli astronauti erano inquadrati dalla telecamera portata sulla Luna e quindi sono confrontabili con le immagini TV. Finora tutti i riscontri hanno dato esito positivo.

Figura 3.4a. Un fotogramma della diretta televisiva dell’Apollo 11.


Le riprese TV coprono quasi integralmente ciascuna delle passeggiate lunari (eccetto quella dell’Apollo 12, la cui telecamera si guastò pochi minuti dopo l’inizio dell’escursione). La diretta TV integrale di Apollo 11 è anche disponibile su Youtube (Figura 3.4b).

Figura 3.4b. La diretta televisiva integrale restaurata dell’escursione lunare di Apollo 11. L’inquadratura è tagliata in alto e in basso in alcuni punti per adattarla al formato 16:9 (in originale era in formato 4:3).


Ci sono quindi decine di ore di diretta televisiva dalla Luna, con lunghissime sequenze ininterrotte, tutte a colori (tranne quelle della prima missione) e tutte disponibili al pubblico, per esempio tramite gli ottimi DVD della Spacecraft Films.

La missione Apollo 16 ha oltre 13 ore di diretta TV dalla Luna; Apollo 17 ne ha altrettante. La quantità di materiale visivo da falsificare in modo perfettamente coerente sarebbe quindi enorme.

Nelle dirette, inoltre, si osservano ripetutamente vari fenomeni che possono verificarsi soltanto in un ambiente privo d’aria e con gravità ridotta ed erano impossibili da realizzare con gli effetti speciali cinematografici dell’epoca, come descritto in dettaglio più avanti.