Cerca nel blog

14.1 Michael James Adams

Figura 14.1-1. Michael J. Adams accanto a un aereo-razzo sperimentale X-15, 22 marzo 1967. Fonte: NASA.


Maggiore USAF e pilota collaudatore, Adams fu selezionato come astronauta per il progetto militare MOL (Manned Orbiting Laboratory), che prevedeva stazioni spaziali abitate da utilizzare per osservazioni del territorio dei potenziali nemici.

Il progetto fu annullato prima che ne iniziassero i lanci, ma Adams divenne comunque un astronauta a pieno titolo, perché come collaudatore dell’aereo-razzo ipersonico sperimentale X-15 raggiunse la quota di 266.000 piedi (81 km) il 15 novembre 1967, qualificandosi dunque come astronauta anche secondo i criteri USAF, più severi di quelli NASA.

Il volo, però, gli fu fatale: un guasto agli impianti elettrici dell’X-15 e un principio di disorientamento fecero assumere al velivolo un assetto errato che indusse uno spin a Mach 5. Sottoposta a sollecitazioni insostenibili, la struttura dell’aereo si disintegrò e Adams perì, unica vittima del programma sperimentale X-15, che vide fra i suoi piloti anche Neil Armstrong. Molti dei record stabiliti dall’X-15 sono tuttora imbattuti.